I negozi fisici sono morti: Amazon non la pensa proprio così.

Indice

Quando ti trovi a pensare che l’e-commerce è il futuro e che per i negozi fisici oramai non c’è speranza ecco una notizia che potrebbe spiegarti meglio cosa accade al di là dell’oceano.

Si perchè, notizia di pochi giorni fà, Amazon ci fà sapere che sta accelerando sulla implementazione della strategia di apertura di negozi fisici.

Per maggiore chiarezza ti riporto di seguito l’intero articolo scritto egregiamente da Luciana Maci su EconomyUp.

Amazon, colosso dell’eCommerce, ha deciso di aprire una catena di grandi magazzini. Una mossa che rende esplicito un concetto: il retail non è più divisibile in compartimenti stagni (retail online e retail fisico), ma, come per molti altri settori, i due ambiti sono diventati “dialoganti” e interdipendenti. Una costante contaminazione trainata dal trend dell’omnicanalità.

La notizia è arrivata in pieno agosto: Amazon ha deciso di accelerare la sua strategia di store fisici da affiancare all’eCommerce negli Stati Uniti.

Così, dopo i punti vendita “Amazon Books”, “Amazon 4-star”, “Amazon Pop-up”, “Amazon go” e “Amazon grocery”, si sta preparando ad aprire anche dei veri e propri store fisici da 3mila metri quadri.

Un “taglio” contenuto rispetto alla media dei superstore americani, che si attesta attorno ai 9mila mq. A pubblicare l’anticipazione è il Wall Street Journal, secondo cui i primi store si limiteranno a due stati Usa, l’Ohio e la California.

Perché Amazon vuole aprire grandi magazzini

La strategia, scrive CorCom, sarebbe quella di andare incontro alle propensioni dei consumatori statunitensi, che dopo le restrizioni dovute all’emergenza Covid-19 stanno ricominciando ad aver voglia di fare acquisti nei negozi.  Nei nuovi punti, vendita Amazon potrebbe proporre alla clientela articoli in distribuzione esclusiva accanto a quelli dei grandi brand, dall’elettronica all’arredamento, fino all’abbigliamento e agli articoli per la casa.

Coniugare i punti di forza dell’online e del fisico

“Quello che diviene sempre più chiaro, se ancora vi fosse qualcuno che ne dubita” ha commentato su Linkedin Alessandro Perego, docente di “Logistics and Supply Chain Management” e co-founder degli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano “è che si continua a ridurre progressivamente lo spazio del retail “solo fisico” ma anche del retail “solo online” a vantaggio di modelli che sappiano coniugare i grandi punti di forza dell’online (comodità e velocità) con i grandi punti di forza del fisico (relazione ed esperienza fisica). Non è dunque in primis la sfida “Amazon contro tutti” ma la sfida tra un commercio che non evolve e un commercio che evolve. Stiamo studiando il fenomeno da tempo all’interno degli Osservatori eCommerce e Innovazione Digitale nel Retail”.

Amazon e il retail fisico: un percorso iniziato da tempo

Da diversi anni Amazon sta guardando con sempre maggiore interesse agli spazi fisici di vendita. A giugno 2017 l’azienda fondata e guidata da Jeff Bezos ha acquisito per 13,7 miliardi di dollari Whole Foods, catena statunitense proprietaria di oltre 400 punti vendita di cibo organico e biologico. Ha così fatto irruzione nel settore di vendita di prodotti alimentari freschi, inserendosi in un campo dove operano varie società e startup.

Con Amazon Go, la società si è ulteriormente lanciata nel mondo dei negozi fisici, ma scegliendo una chiave di totale automazione: per fare la spesa è sufficiente scaricare l’app di Amazon Go, creare un conto Amazon e utilizzare lo smartphone per identificarsi all’ingresso del negozio, tramite la scansione di un codice.

L’esperimento ha funzionato solo in parte, tanto che poi la multinazionale ha deciso di puntare sulla vendita della tecnologia proprietaria. Tuttavia nel 2020 ha scommesso ancora una volta sul mattone lanciando il suo primo grocery store, o negozio di alimentari fisico a Woodland Hills, California.

A maggio 2021 ha addirittura deciso di aprire un salone di bellezza. Amazon Salon, nell’East End di Londra, vuole essere un laboratorio di nuove tecnologie per il beauty, dalla realtà aumentata all’uso del QR Code. Ma è anche un ulteriore passo del big dell’eCommerce nel mondo degli spazi fisici. (L.M.)

Conclusioni

Quindi a conclusione di questo ottima analisi possiamo dire chiaramente che non è nel solo online o nel solo offline la strada del successo di un retail fisico.

Piuttosto grazie alla creatività ed allo studio dettagliato dei punti di forza e debolezza della tua attività è possibile individuare la forma ibrida ideale che può portarti al successo.

Se hai dubbi o domande, oppure se ne vogliamo semplicemente parlare per un confronto scrivimi pure.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su email
Chi sono
Antonio Gatti

Sono un Creativo e un Web Marketer. Aiuto le aziende e i professionisti a comunicare, lo faccio dal 2010 lavorando sulla strategia, pianificando le campagne e creando tutti i contenuti.

Sono un Graphic Designer “atipico” perchè non creo progetti solo per il gusto estetico ma collego la costruzione grafica e creativa agli obiettivi da raggiungere per rendere il messaggio chiaro e di forte impatto.

Seguimi su...
Ultimi post
La mia Agenzia

Creativo Design è l’agenzia che ho fondato nel 2010 e da allora non abbiamo mai smesso di Creare.

Creare identità, contenuti, campagne, strategie. La creatività è alla base di tutto, è quella dote in grado di farti osservare il mondo che ci circonda in modo sempre nuovo e fuori da ogni schema precostituito.

Ultimi Lavori

Perchè non dai un'occhiata anche a questi articoli? Te li consiglio

small_c_popup.png

Richiedi un nostro contatto, ti chiamiamo noi.

Possiamo aiutarti a trovare le risposte per il tuo brand