Categorie
News

Prossimo obbiettivo… GESTIRE LO STRESS…

Come gestire lo stress?

Eh già, con l’avvicinarsi della pausa estiva e con il puntuale aumento di lavori ed incarichi (stranamente potrei dire in modo quasi sarcastico) aumenta anche lo stress da consegna, aumenta la pressione e si fanno più serrati i ritmi. Prendendo spunto da un articolo della mia collega F. Borghi facciamo un po’ di riflessioni su come organizzare meglio il tempo e quindi riuscire meglio lo stress (premetto che queste riflessioni sono un po anche gli obbiettivi che mi sono posto per il prossimo futuro.

Vediamo quindi i consigli pratici su come gestire lo stress e cerchiamo di metterli in pratica:

1. Scegli ciò che ti fa felice: nella vita siamo sommersi di to-do-list e di continui “devi fare”, “devi dire”, devi, devi, devi. Di sicuro non puoi tralasciare scadenze e le priorità le dovrai gestire. Ma se in questo caso l’urgenza fosse proprio quella di staccare la spina?

2. Organizza le priorità: quando si lavora in proprio spesso è difficile ritagliarsi degli spazi (torna al punto 1.). Prendi la tua lista e ordina le cose da fare, dalla più urgente a quella che può aspettare un attimo. Infila la lista in valigia insieme al tuo pc e al tuo smartphone e in orari prestabiliti dedicati a smaltirle ad una ad una.

3. Non farti prendere dal panico: o almeno gestiscilo 🙂 Parti da questo punto e torna a ritroso, passando dal punto 2., sino al punto 1. Torna qui e preparati al punto 4. Va meglio? Il panico aumenta i tuoi valori di stress e rende impossibile il lavoro in tempi ridotti.

4. Se puoi, delega a persone di fiducia: ahhhhhh sembra non sia mai possibile ma forse è solo perché siamo un po’ tutti maniaci del controllo. Io mi sto abituando a distribuire i compiti all’interno del team e soprattutto a chiedere aiuto se mi rendo conto di non farcela. E, fidati, non è un segno di debolezza ma bensì di maturità!

5. Avverti i clienti: devi metterli in sicurezza, sempre. Non li stai abbandonando e rispetterai le scadenze ma hai semplicemente la necessità di rallentare il ritmo. Fissa degli giorni o degli orari in cui possono chiamarti e nel resto della giornata rigenera la mente. Vedrai che il lavoro che da stanco fai in ore e ore, da meno stressato lo farai in un batter d’occhio.

Bene quindi arrivati a questo punto sarebbe il caso di iniziare a lavorare seriamente sulla propria organizzazione del tempo e del lavoro affinché a giovarne ne saremo innanzitutto noi stessi e poi anche il nostro lavoro (non resta che mettermi a lavoro allora)